Dinafem è una banca di semi che commercializza la migliore selezione di semi di cannabis, sia di produzione propria che di altre banche, a livello internazionale. Sin dalle origini in qualità di coltivatori,i coltivatori di Dinafem hanno studiato affondo la genetica delle varie piante di Cannabis fino all’ottenimento di semi di marijuana, apprezzati in tutto il mondo.

Per raccontarne la storia e la filosofia ecco alcune parole del fondatore di Dinafem-il dr. Kush-, rilasciate alla storica rivista di Dolce Vita

Prima di iniziare con il progetto Dinafem ero un appassionato “coltivatore di guerrilla”. Poi, insieme ad altre persone, ho aperto un negozio dove, tra le tante cose, vendevamo anche hashish, erba e cloni. Era un bel periodo ma un giorno arrivò la polizia e mi condannò. È stato il momento più duro della mia vita in assoluto ma altrettanto interessante perché mi ha permesso di maturare la decisione di dedicarmi a qualcosa di totalmente legale, seppur underground, come la creazione di una seedbank. Ed è così che, due anni più tardi, inizio il progetto Dinafem».

Quando abbiamo cominciato, nel 2005, siamo andati in Olanda e abbiamo presentato il progetto delle piante femminizzate ad una seedbank olandese, conosciuta nel settore, con cui ho firmato un contratto molto pesante, un contratto propriamente leonino, ma a quei tempi ero abbastanza ingenuo», ci ha confidato. «Ad ogni modo ho avuto la possibilità di sviluppare le femminizzate ma dopo poco tempo abbandonai il progetto e mi dedicai a Dinafem.
Gli olandesi sono trader molto aggressivi e dal primo momento hanno preso il massimo da noi, per questo motivo lavoriamo con il mercato olandese ma non diamo molto risalto ad esso dato che vendiamo in tutto il mondo»

«L’obiettivo – spiega – è quello di creare sempre più varietà con differenti rapporti tra i vari cannabinoidi (inizialmente soprattutto THC:CBD), per cui in futuro vi saranno strain, per esempio con il 20% di CBD e il 10% di THC o con il 15% di CBD e lo 0,2% di THC. La cannabis di tipo forte non sarà che una delle tante possibilità di scelta. Lo status di illegalità decennale della marijuana ha fatto sì che l’unico parametro valorizzato fosse l’elevato THC, ma le cose stanno cambiando a livello globale e sempre più utenti si avvicinano a questa pianta, con diverse esigenze e aspettative».

“L’impresa direttamente non fa la semina ma ha una piccola struttura propria per il breeding e per la manutenzione delle piante madri. Abbiamo una rete di produttori, circa 30/40 coltivatori di semi, che prendono il materiale in magazzino per cui non è difficile per le autorità conoscere la nostra rete ma applichiamo un principio di prudenza, proprio cercando di frammentare tutta l’attività così da diminuire il rischio il più possibile. Preferiamo una struttura piccola anche perché più facile da controllare. A San Sebastian vengono prodotti il 90% dei semi che vendiamo proprio perché è una struttura locale, e cerchiamo di mantenerla tale, e questa è una chiave importante».
«Le piante che producono semi necessitano di condizioni di crescita differenti, per questo sono più leggere e sottili. Inoltre hanno una densità molto alta per metro quadro»

Sul nostro sito nella sezione Dinafem troverete tutte le varietà sempre aggiornate e disponibili, dalle storiche fino alle ultime novità

CHEESE AUTOFLOWERING

Hide Preloader
X
0

Your Cart